sabato 2 gennaio 2021

LEGGE DI BILANCIO 2021 – FINALMENTE ARRIVA IL TESTO UFFICIALE

Nell’attuale Legge di Bilancio, sostanzialmente non vengono modificati alcuni paletti già menzionati nelle Leggi di Bilancio precedenti (ad esempio regime forfettario, quota 100, reddito di cittadinanza etc…), ma vengono introdotte una serie di misure, che tuttavia dovranno attendere dei relativi provvedimenti da parte degli enti preposti (agenzia entrate, ministero, inps, etc…) riguardanti imprese, professionisti, lavoratori e famiglie.

Entriamo ora nel merito, per verificare le principale misure che entreranno in vigore, in teoria da ieri, ma in pratica nei prossimi mesi.

Novità superbonus 110%

La Legge di bilancio 2021 ammette sia nuovi lavori, sia nuovi soggetti beneficiari, quindi,

§  viene finalmente eliminata la preclusione per i soggetti che hanno la proprietà esclusiva o la comproprietà su singoli edifici con più unità immobiliari separatamente accatastate;

§  saranno agevolate le spese sostenute fino al 30 giugno 2022 e non più fino al 31 dicembre 2021;

§  saranno oggetto di superbonus anche gli interventi volti ad eliminare le barriere architettoniche;

§  ecc.

Esonero dai contributi previdenziali per autonomi e professionisti

Contributi previdenziali in stand-by per i lavoratori autonomi e professionisti per il 2021, a condizione che :

§  abbiano un reddito inferiore a 50mila euro,

§  abbiano subito un calo di fatturato di almeno il 33%;

Sarà predisposta una circolare ministeriale ad hoc per definire i requisiti, visto che mancano una serie di note, non di poco conto (chi ha avviato l’attività nel 2019, tempi per la definizione, etc…)

Cassa integrazione autonomi

Novità assoluta è la cosiddetta CIG autonomi: si tratta di una sorta di cassa integrazione mensile fino a 800 euro mensili per gli autonomi iscritti alla gestione separata dell’INPS da almeno 4 anni;

Cedolare secca 2021 – Fitti Brevi

Dal 2021, è possibile avvalersi del regime delle “locazioni brevi” (contratti di durata non superiore a 30 giorni, per i quali è prevista l’applicabilità della cedolare secca al 21%) solo se nell’anno si destinano a quella finalità al massimo quattro appartamenti; oltre tale soglia, l’attività, da chiunque esercitata, si considera svolta in forma imprenditoriale

Credito d’imposta locazioni 2021

Il credito d’imposta locazioni (bonus affitti) viene esteso alle agenzie di viaggio e ai tour operator. Questi soggetti, insieme alle imprese turistico-ricettive, potranno usufruire del credito d’imposta fino al 30 aprile 2021, anziché fino al 31 dicembre 2020.

Bonus affitti studenti universitari

La Manovra prevede anche un nuovo bonus per gli affitti degli studenti universitari fuori sede.

Bonus Chef – Professionisti 2021

Previsto in favore dei cuochi professionisti, un credito d’imposta fino al 40% di massimo 6mila eurodelle spese sostenute dal 1° gennaio al 30 giugno 2021 per l’acquisto di beni strumentali durevoli e per la partecipazione a corsi di aggiornamento professionale.

Resto al Sud 2021: ampliata la platea dei beneficiari

La nota misura Resto al Sud viene rimane per tutto il 2021. L’agevolazione viene estesa anche a coloro che hanno più di 45 anni, con nuovo limite di età viene massimo a 55 anni.

Bonus e agevolazioni

Un’ampia parte della Legge di Bilancio è dedicata ai vari bonus e agevolazioni.

A parte quelli già descritti troviamo:

§  rifinanziamento del bonus bebè per tutti i nati nel 2021;

§  bonus di 500 euro al mese per le mamme single e disabili;

§  bonus tablet e cellulare per il 2021 per le famiglie con Isee basso;

§  rifinanziamento per il 2021 del bonus 18 anni;

§  ampliata la soglia a 16 mila euro per il bonus mobili, ovvero la detrazione al 50% per l’acquisto di mobili e grandi elettrodomestici;

§  nuovo bonus idrico da 1.000 euro per interventi di sostituzione di vasi sanitari in ceramica e rubinetteria;

§  voucher occhiali da vista e lenti a contatto: fino a 50 euro per le famiglie a basso ISEE;

§  bonus TV, per agevolare l’acquisito di TV e decoder per il passaggio al nuovo digitale terrestre da luglio 2021;

§  conferma anche per gli incentivi auto per veicoli elettrici e ibridi;

 

Misure lavoro Legge di Bilancio 2021

I principali punti in materia di lavoro sono:

§  conferma del blocco dei licenziamenti fino al 31 marzo;

§  previsione esonero contributo per l’assunzione di lavoratori fino ai 35 anni;

§  nuova cassa integrazione Covid per ulteriori 12 settimane nel 2021;

§  proroga a tutto il 2021 del bonus Irpef di 100 euro in busta paga. Su quest’ultimo punto servirà un nuovo decreto in quanto nel testo si parla erroneamente di 6 mesi (600 euro totali) anziché 12 (1200 euro totali);

§  contratti a termine, deroga al decreto dignità fino al 31 marzo su rinnovi e proroghe;

§  congedo di paternità obbligatorio allungato da 7 a 10 giorni;

§  contratto di espansione per aziende oltre 250 dipendenti

§  nuovi incentivi per il rientro di lavoratori altamente qualificati.

Assegno unico per i figli

La Legge di Bilancio 2021 stanzia l’imponente cifra di 3 miliardi di euro per il 2021 e 5,5 per il 2022 per l’assegno unico per i figli o assegno universale.

Si tratterà di una prestazione economica erogata dall’INPS concessa dal settimo mese di gravidanza fino ai 21 anni di età del figlio, fino a concorrenza di 200 euro mensili.

Ape sociale e Opzione donna

Per quanto riguarda la materia delle pensioni la Manovra 2021 proroga di un altro anno le importanti misure Ape sociale e Opzione donna.

Redditi Coltivatori diretti e IAP

Estesa al 2021 l’esenzione totale dall’Irpef dei redditi dominicali e agrari dei terreni dichiarati dai coltivatori diretti e dagli imprenditori agricoli professionali, iscritti nella previdenza agricola

Iva sui piatti pronti

Estesa l’applicabilità dell’iva al 10% anche sui prodotto per consumo immediato, la consegna a domicilio o l’asporto, assimilandolo quindi alla somministrazione di alimenti e bevande.

Detrazioni per interventi edilizi

Prorogati al 2021, l’“ecobonus” per la riqualificazione energetica degli edifici; il “bonus ristrutturazioni” per i lavori di recupero edilizio, il “bonus mobili” per l’acquisto di mobili e grandi elettrodomestici destinati all’arredo di immobili ristrutturati (con innalzamento a 16mila euro del tetto di spese) e “bonus facciate” al 90% per il recupero o restauro della facciata esterna degli edifici, nonché “bonus verde”, 36% per interventi di sistemazione a verde di aree scoperte di immobili privati a uso abitativo

E-commerce delle imprese agricole

Esteso alle reti di imprese agricole e agroalimentari, anche costituite in forma cooperativa o riunite in consorzi o aderenti ai disciplinari delle “strade del vino”, per le annualità dal 2021 al 2023, il credito d’imposta del 40% a sostegno del made in Italy, per realizzare e/o ampliare infrastrutture informatiche destinate al potenziamento del commercio elettronico. Servirà decreto ad hoc.

Credito d’imposta per investimenti nel Mezzogiorno – 45%

Proroga di due anni (2021 e 2022) per il bonus in favore delle imprese che acquisiscono beni strumentali nuovi destinati a strutture produttive ubicate nelle zone assistite delle regioni Abruzzo, Basilicata, Calabria, Campania, Molise, Puglia, Sardegna e Sicilia

Bonus ricerca e sviluppo

Confermato fino al 2022, nonché incrementato, il credito d’imposta per gli investimenti in attività di ricerca e sviluppo, innovazione tecnologica e altre attività innovative

Bonus formazione 4.0

Prorogato al 2022 il credito d’imposta per la formazione 4.0, con ammissione al bonus dei costi previsti dal regolamento Ue in materia di aiuti compatibili con il mercato interno

Nuove attività nelle Zes del Mezzogiorno

Ridotta del 50% per sette annualità l’imposta sul reddito realizzato dalle imprese che intraprendono una nuova attività nelle Zone economiche speciali istituite nel Mezzogiorno d'Italia, a condizione che, per almeno dieci anni, sia mantenuta l’attività e siano conservati i relativi posti di lavoro

Credito d’imposta per ricerca e sviluppo nel Mezzogiorno

Rinnovato per il 2021 e il 2022, nelle misure potenziate fissate dal decreto “Rilancio” per il 2020, il bonus per attività di R&S (inclusi i progetti in materia di Covid-19) riguardanti strutture produttive ubicate in Abruzzo, Basilicata, Calabria, Campania, Molise, Puglia, Sardegna e Sicilia

Baratto finanziario 4.0

Istituito un meccanismo di compensazione di crediti e debiti (esclusi quelli delle amministrazioni pubbliche) derivanti da transazioni commerciali risultanti da fatture elettroniche. Avverrà tramite una piattaforma telematica gestita dall’Agenzia delle entrate.

Spese veterinarie

Elevato da 500 a 550 euro il tetto delle spese veterinarie per le quali spetta una detrazione Irpef del 19%, limitatamente alla parte che eccede 129,11 euro

Riduzione del canone di locazione

Istituito per il 2021, a favore dei proprietari che ribassano il canone all’inquilino, un contributo a fondo perduto, pari fino al 50% della riduzione accordata, entro il tetto annuo di 1.200 euro. Il beneficio spetta a condizione che l’immobile sia ubicato in un comune ad alta tensione abitativa e costituisca l’abitazione principale del locatario e che il locatore comunichi la rinegoziazione del canone all’Agenzia delle entrate.

Serve decreto ad hoc

Crediti d’imposta Pubblicità

Prorogati per gli anni 2021 e 2022: il credito d’imposta del 50% per gli investimenti pubblicitari sui giornali quotidiani e periodici, anche online

Mobilità sostenibile

Confermato, per gli anni dal 2021 al 2026, il contributo per l’acquisto di motoveicoli elettrici o ibridi. Con l’attribuzione di nuove risorse, contributo assicurato anche per tutti coloro che, dal 4 maggio al 2 novembre 2020, hanno acquistato biciclette o altri mezzi per la mobilità personale elettrici (il precedente stanziamento si era esaurito anzitempo). Istituito poi un credito d’imposta pari al 30% delle spese sostenute per l’acquisto di cargo bike, anche a pedalata assistita, fino a un importo massimo annuale di 2mila euro, a favore delle piccole e micro imprese che svolgono attività di trasporto merci urbano. Criteri e modalità di applicazione in un successivo decreto ministeriale

Plastic tax

Differita al 1° luglio 2021

Sugar tax

Differita al 1° gennaio 2022

Bonus acqua potabile

Credito d’imposta pari al 50% delle spese sostenute pari a persone fisiche, a 1.000 euro per ciascun immobile e per aziende fino a 5mila euro per ogni immobile adibito all’attività commerciale o istituzionale per acquisto e installazione di sistemi di filtraggio, mineralizzazione, raffreddamento e/o addizione di anidride carbonica alimentare. Le informazioni sugli interventi andranno trasmesse in via telematica all’Enea

Lotteria dei corrispettivi

In merito all’estrazione a sorte di premi legata agli acquisti di beni e servizi: la partecipazione è riservata esclusivamente a chi utilizza strumenti di pagamento elettronici; probabilmente secondo gli stessi standard utilizzati per il cashback.

Esterometro

Abolita, dal 1° gennaio 2022, la comunicazione telematica dei dati relativi alle cessioni di beni e prestazioni di servizi transfrontaliere (esterometro) per il quale verrà utilizzato lo stesso canale utilizzato per le fatture elettroniche.

 

E per completare l’opera, altri due articoli, che sinceramente non fanno ben capire il modus operandi dell’attuale governo

Settore giochi

Per sostenere l’attività delle sale Bingo particolarmente penalizzate dalle misure restrittive anti Covid, differito e rateizzato il pagamento del canone mensile dovuto dai titolari delle concessioni, e non abrogato, visto e considerato che sono stati chiusi per almeno 6 mesi nel 2020

Money transfer

Abrogata l’imposta sui trasferimenti di denaro all’estero effettuati tramite istituti di pagamento

 

Come si evince, la legge di bilancio, dice tutto e non dice niente visto che a parte le proroghe, per tutto il resto serviranno decreti o circolari operative ad hoc, indette dai singoli istituti. Tuttavia, è ben chiaro a tutti, che si  possono trasferire i capitali all’estero - gratis, qualora da un giorno all’altro si decidesse di approvare la cd “patrimoniale”.

 

Buon 2021 a tutti…

 

Dott. Nicola Pugliese

mercoledì 9 dicembre 2020

CCIAA BARI – FINANZIA FORMAZIONE E INNOVAZIONE E SALUTE


Sono stati appena pubblicati 2 nuovi bandi a sostegno dalle imprese, per fronteggiare l’emergenza COVID19, le cui partecipazioni potranno essere inviata dal 14 al 23/12/2020

BANDO FORMAZIONE LAVORO 2020

Trattasi di un Bando volto alla formazione o comunque all’innovazione aziendale, nel quale sono previste 2 misure

  1.  Progetti per l’inserimento di figure professionali nei settori in emergenza di rilievo territoriale colpiti in modo particolare dall’emergenza Covid-19.
  2. Progetti per l’inserimento di figure professionali con l’obiettivo di innovare l’organizzazione d’impresa e del lavoro – smart working, e-commerce, digital manager, export manager etc...

Il contributo ammonta al 70% a fondo perduto, del costo sostenuto fino ad un massimo di 5mila euro, e speso dal 01/03/2020 sino al 120 gg successivo alla determina di approvazione.

Sono finanziabili, le spese per

  •           Tirocini formativi, contratti di apprendistato, assunzione come dipendente a tempo determinato o indeterminato
  •          Servizi di consulenza e formazione
  •           Acquisto di dispositivi specifici
  •           Costi del personale interno volti al percorso di formazione (tutor, docente etc….)

BANDO VOUCHER TURISMO 2020

E’ un bando rivolto alle strutture ricettive, ristorazione, e turistiche culturali, che quest’anno hanno subito un notevole deficit  a causa covid, e nel merito gli obiettivi posti riguardano:

  1.         Mettere in sicurezza le strutture ricettive e culturali, fornendo contributi su pulizia e sanificazione,  gestione degli aspetti logistici e del personale;
  2.  .      Formare il personale addetto ai servizi turistici sia in ambito, sia in ambito di promozione, valorizzazione e commercializzazione in chiave moderna di una destinazione turistica (Destination Manager).

Il contributo ammonta al 70% a fondo perduto, del costo sostenuto fino ad un massimo di 10mila euro sostenute dal 01/04/2020 al 31/03/2021.

I codici Ateco, primari o secondari ammessi sono : 55 – 56 – 79 – 54.14.00 – 82.30.00 – 90.04.00 – 91.02.00 – 91.03.00 – 91.04.00 – 93.21.00 – 93.29.10 – 93.29.20 – 93.29.90 – 96.04.20 – 96.09.05.

Sono finanziabili le spese per

  •           Consulenza e Formazione
  •          Acquisto di beni e servizi, inclusi strumenti, attrezzature, dispositivi, finalizzati alla realizzazione degli interventi.

venerdì 27 novembre 2020

FONDO RISTORAZIONE - 100% MADE IN ITALY


Il Fondo Ristorazione, è un contributo previsto dal DL Agosto 2020, per supportare le aziende impegnate nella filiera sostenendo cibo italiano di qualità, a partire dai prodotti DOP e IGP, valorizzando il territorio.

Tale misura prevede un contributo a fondo perduto, a favore delle aziende del settore ristorazione, per un minimo di 1.000 e un massimo di 10mila euro per gli acquisti di prodotti dell'agroalimentare italiano effettuato dopo il 14 agosto 2020 fino al giorno di presentazione della domanda.

I prodotti che rientrano nel Fondo Ristorazione sono tutti quelli acquistati con documentazione fiscale, dopo il 14 agosto 2020, che provengono dalle filiere agricole e alimentari (compresi prodotti vitivinicoli, della pesca e dell’acquacoltura, oltre che prodotti DOP e IGP, prodotti che valorizzano la materia prima del territoriocioè quelli da vendita diretta, e prodotti ottenuti da filiera nazionale integrale dalla materia prima al prodotto finito), quindi  i prodotti agroalimentari acquistati direttamente dai produttori oppure ottenuti da filiera nazionale integraleovvero i prodotti agroalimentari che sono ottenuti interamente a livello nazionale dalla materia prima, alla lavorazione fino al prodotto finito

Il richiedente del fondo è tenuto ad acquistare almeno 3 differenti tipologie di prodotti agricoli o alimentari classificati nella “Tabella prodotti” definita dal Ministero. Il prodotto principale non deve superare il 50% del totale, causa revoca della domanda.

Il valore del contributo spettante non può essere superiore agli acquisti effettuati , presentando la domanda entro il 15 dicembre o tramite il sito online dedicato o di persona presso gli sportelli degli uffici postali di Poste Italiane.

Terminati i controlli sulla domanda presentata, il Ministero autorizza il pagamento del 90% del valore totale del contributo che è stato riconosciuto al soggetto beneficiario. Il pagamento avviene tramite bonifico di Poste Italiane. Se vi sono risorse maggiori rispetto alle domande, il contributo spetterà fino al 100%.


lunedì 28 settembre 2020

Custodiamo il Turismo e la Cultura in Puglia



L
a regione Puglia, ha pubblicato un nuovo avviso pubblico, rivolto alle aziende del settore turismo e cultura, per andare incontro alle carenze di fatturato subite a causa del COVID19.

L’aiuto consiste in una sovvenzione diretta quantificata in relazione al decremento di fatturato subito nel periodo dall'1 febbraio al 31 agosto 2020, rispetto al periodo corrispondente periodo 1 febbraio al 31 agosto 2019, nonché in relazione al numero di Unità Lavorative per Anno (ULA) presenti in azienda.

Obiettivo dell’avviso, è quello di sostenere le aziende nella gestione dei costi fissi, e pertanto prevede in merito alla gestione la corresponsione di un contributo massimo fino ad 80mila per le attività turistiche in caso di ULA maggiore di 0.

I Costi rimborsabili, sono i costi fissi, e per la precisione

  •          i costi per il personale (retribuzione annuale lorda, contributi previdenziali etc.) 
  •          le utenze;
  •          i canoni di locazione;
  •          le assicurazioni;
  •          i leasing;,
  •          i servizi di pulizia, solo se riferiti a contratti continuativi di durata non inferiore ad un anno;
  •          i servizi di sicurezza, solo se riferiti a contratti continuativi di durata non inferiore ad un anno.

 Requisiti di accesso :

Riduzione fatturato nel periodo suindicato di almeno il 40%

SETTORE CULTURA

Avere il seguente CODICE ATECO, come attività PREVALENTE

  • 47.61 (Commercio di libri in esercizi specializzati)
  • 47.63 (Commercio al dettaglio di musica e video)
  • 58.11 (Edizione di libri)
  • 59.11 (Attività di produzione, post-produzione e distribuzione cinematografica, di video e programmi TV)
  • 59.12 (Attività di post-produzione cinematografica, di video e programmi TV)
  • 59.13 (Attività di distribuzione cinematografica e di programmi TV)
  • 59.14 (Attività di proiezione cinematografica)
  • 74.20 (Attività fotografiche)
  • 74.20.11 (Attività di fotoreporter)
  • 74.20.19 (Altre attività di riprese fotografiche)
  • 77.39.94 (Noleggio di strutture ed attrezzature per manifestazioni e spettacoli)
  • 82.30 (Organizzazione di convegni e fiere)
  • 90.01 (Rappresentazioni artistiche)
  • 90.02 (Attività di supporto alle rappresentazioni artistiche)
  • 90.03 (Creazioni artistiche e letterarie)
  • 90.04 (Gestione di strutture artistiche)
  • 93.21 (Parchi di divertimento e parchi tematici)
  • 91.01 (Attività di biblioteche ed archivi)
  • 91.02 (Attività di musei)
  • 91.03 (Gestione di luoghi e monumenti storici e attrazioni simili).

 Nel merito il contributo ammonta a :

 Con decremento di fatturato tra 40% e 70%

  •          ULA = 0, il 40% dei costi fissi con un massimo di 5mila euro
  •          ULA tra 0 e 3, il il 50% dei costi fissi, con un massimo di 65mila euro
  •          ULA maggiore di 3, il 60% dei costi fissi, con un massimo di 65mila euro

Con decremento di fatturato tra 70% e 100%

  •          ULA = 0, il 70% dei costi fissi, con un massimo di 5mila euro
  •          ULA tra 0 e 3, il il 80% dei costi fissi, con un massimo di 65mila euro
  •          ULA maggiore di 3, il 90% dei costi fissi, con un massimo di 65mila euro

 SETTORE TURISMO

Avere il seguente CODICE ATECO, come attività PREVALENTE

  • 55.10 (Alberghi e strutture simili) – TETTO MAX 80mila euro
  • 55.20.10 (Villaggi turistici) – TETTO MAX 35mila euro
  • 55.20.20 (Ostelli della gioventù) - TETTO MAX 35mila euro
  • 55.20.51 (Affittacamere per brevi soggiorni, case ed appartamenti per vacanze, bed and breakfast, residence) - TETTO MAX 35mila euro
  • 55.30 (Aree di campeggio e aree attrezzate per camper e roulotte) - TETTO MAX 35mila euro
  • 79.11 (Attività delle agenzie di viaggio) – TETTO MAX 20mila euro
  • 79.12 (Attività dei tour operator) - TETTO MAX 20mila euro

 

Con decremento di fatturato tra 40% e 70%

  •          ULA tra 0* e 4, il il 50% dei costi fissi,
  •          ULA maggiore di 4, il 60% dei costi fissi,

Con decremento di fatturato tra 70% e 100%

  •          ULA tra 0 e 4, il il 70% dei costi fissi,
  •          ULA maggiore di 4, il 90% dei costi fissi.
* i* si precisa che con ULA pari a 0 non è possibile accedere alla misura.  

I Soggetti proponenti possono presentare istanza a partire dalle ore 09:00 del giorno 05/10/2020 e non oltre le ore 12:00 del 20/11/ 2020.